Benvenuti!!

Un caloroso benvenuto a tutti! Inauguro questo mio blog raccontandovi una bella storia. Seguitemi attentamente.......

Yuu

Yuu Morisawa è una bambina di otto anni e con l'argento vivo addosso. Un giorno scorge nel cielo un'arca tutta di cristallo, invisibile a tutti tranne che a lei. Proprio per il fatto di aver visto l'arca, Yuu viene attirata dal folletto Pinopino, poiché grazie proprio ad uno dei suoi sogni, l'arca della Stella Piumata è riuscita a ritrovare la strada di casa, perduta durante una tempesta di incubi.

L'abitante della Stella Piumata e comandante dell'arca dona a Yuu dei fantastici poteri magici per ringraziarla: per un anno della sua vita, grazie alla formula magica che tutti ricorderete: "Pimpulu Pampulu Parim Pam Pum", la bambina potrà trasformarsi in una dolce e affascinante se stessa in versione sedicenne, e decide di chiamarsi Creamy, dal nome del negozio di crepes dei suoi genitori ('Creamy' e 'Mami' sono 2 aggettivi che rispettivamente in inglese il primo e in giapponese il secondo significano: cremosa e deliziosa, riferiti sempre alle crepes).

Creamy

Yuu, però, non può rivelare a nessuno la vera identità di Creamy, poiché, se lo facesse, perderebbe immediatamente i suoi poteri magici.

Tutto si complica quando, per una coincidenza, la bella Creamy diventa un'affermata idol: così Yuu, accompagnata dai gattini Posi e Nega, i due amici che Pinopino ha lasciato sulla Terra per vegliare su di lei, dovrà riuscire a conciliare le sue due identità, di ragazzina spensierata e di impegnatissima star della canzone.

Posi e Nega

Toshio, amico del cuore di Yuu, innamorandosi della bella cantante scatenerà una serie di gelosie nella stessa ragazzina (e io aggiungerei anche crisi d'identità), pasticci ed avventure che si concluderanno con il concerto finale di Creamy: finito lo spettacolo e ritardandolo ancora per pochi interminabili istanti, Yuu dovrà restituire i suoi poteri a Pinopino, ma avrà per sempre l'amore sincero di Toshio.

Il manga è opera di Yuko Kitagawa e Katsunori Ito e riprende lo stile degli shoujo-manga degli anni '70. L'anime (cioè la versione televisiva) è dovuto al grande talento di Akemi Takada (moglie di Katsunori Ito) character designer di tantissimi successi, quali: Urusei Yatsura (Lamù, di cui ha curato la prima serie e alcuni film), Maison Ikkoku (Cara Dolce Kyoko, di cui ha curato solo poche puntate e le sigle ti testa e di coda), Orange Road (E' quasi magia Johnny), Ranma ½, Hono no Alpenrose (Alpenrose), Fancy Lala e Patlabor, solo per citare i più importanti.
L'anime consta di 52 episodi (uno più bello dell'altro) e, nell'episodio finale intitolato "L'ultimo concerto di Creamy" ("Final Stage" nell'originale), proprio alla fine-fine della puntata, i due innamoratini recitano le parole che per me hanno
un valore particolare (e di cui ho un ricordo dolce/amaro), ovvero:

Questa è la riconferma di quanto io sia esageratamente e spudoratamente sdolcinato, romantico e idealista...ovviamente quando non sono un gran rompiscatole e un dispettoso elemento (proprio come Toshio)...allora in quel caso è meglio lasciarmi stare 5 minuti, che mi calmo...!!!

A parte gli scherzi, è molto tenero il senso di questa frase, perchè fa capire che i sogni, sì, sono belli, ma è difficile concretizzarli istantaneamente come fa Creamy coi suoi poteri magici... Una volta finiti i poteri, si ritorna con i piedi per terra (e nella vita reale a volte anche con qualche altra cosa...). Cosa ci rimane, allora, se non l'amore? Ecco perchè Yuu lascia andare via i poteri e i due gattini Posi e Nega senza replicare...tanto avrà per sempre l'amore del suo Toshio...

Ecco...io sono così...prendere o lasciare....un po' melenso, dite? Solo un po'? Siate sinceri, daiiii......Ma sono pur sempre io e ne sono davvero tanto felice!!! (almeno mi distinguo dalla massa caprona...)

Comunque, so perfettamente che è un genere da femminucce, come molti mi accusano, infatti è uno shoujo (in giapponese il termine 'shoujo' vuol dire letteralmente ragazza, fanciulla); per di più fa anche parte del genere majokko ('mahou'=magia, quindi 'majokko'=maghetta)... Ma che cosa ci posso fare se trovo 'L'incantevole Creamy' assolutamente adorabile, incomparabile ed insuperabile?!?

Pensate che da piccolo (avrò avuto si e no 8-9 anni quando è andato in onda il cartone in Italia per la prima volta - correva l'anno 1985) ho sempre sognato di trovare una ragazza come Creamy, a parte i capelli viola: queste sono cose che ti segnano!! In ogni caso sono convinto che per un bambino sognare e giocare sia la cosa più importante. Ora che i 32 anni sono alle porte mi rendo conto che il lavoro, la casa, mantenere una famiglia sono cose indispensabili, ma è vero soprattutto che quello di cui ho più bisogno è SOGNARE, è l'AMORE, quindi 'sognare l'amore' (credo che questo valga un po' per tutti), quindi figuriamoci quanta importanza abbia per un bambino! Io l'amore con la 'A' maiuscola l'ho già trovato (e sono stato fortunato!) e nessuno potrà mai portarmelo via, si chiama Donatella ed è tutta la mia vita... Certo, non avrà i capelli viola e non si veste con i merletti (e per di più è allergica ai gatti), ma in lei ho ritrovato tutto quello che Yuu/Creamy rappresentavano per il me stesso da bambino: dolcezza, femminilità, bontà, spirito materno, bellezza, allegria, un pizzico di monelleria, che non guasta, canta meravigliosamente e condivide con me la cosa secondo me più bella di tutte quelle elencate finora, cioè la voglia di restare sempre un po' bambini dentro, pur restando adulti, perchè - credetemi - è la cosa che ci fa affrontare i nostri problemi con più serenità.
Bene, allora, scusate la logorrea, ma ci tenevo a presentarmi....ora, odiatemi pure!!
A chi ancora riesco simpatico (pur dopo questo interminabile post) dò il benvenuto ufficiale, finalmente, in un blog tutto mio, di cui curo anche l'aspetto estetico, perchè (ebbene sì) sono anche grafico!! Commentate pure se ne avete voglia... al prossimo post!

Scrivi commento

Commenti: 0